“Pulizia” nel PSG: Lionel Messi rimarrebbe l’unico argentino dopo le possibili partenze di Di María, Icardi e Paredes il prossimo giugno

L’ultimo tratto di una stagione considerata quasi un fallimento, oltre ad avere quasi in tasca lo scudetto della Ligue 1, inizia a girare la cronaca sulle novità che avverranno nelle prossime settimane al Paris Saint-Germain. Secondo il quotidiano L’Equipe, Il PSG prevede di separarsi da tre dei quattro argentini che ha in rosa: Ángel Di María, Leandro Paredes e Mauro Icardi, e così rimarrebbe solo Lionel Messi.

Il club della capitale francese, secondo la visione dei suoi dirigenti, non ha raggiunto gli obiettivi di raggiungere la definizione di Champions League, con un’umiliante eliminazione agli ottavi di finale a Parigi contro il Real Madrid, dopo aver vinto in Spagna. È stato persino eliminato in anticipo dalla Coupe de France, un evento che aveva vinto sei volte negli ultimi sette anni.

Mauro Icardi, Leandro Paredes e Ángel Di Maria durante la formazione a Parigi; le loro strade si sarebbero biforcate alla fine del prossimo giugnoAurelien Meunier – PSG – PSG

Il PSG, che è a un passo dal titolo in Ligue 1 – 15 punti di vantaggio sul Marsiglia con 18 in palio -, inizia a pensare alla struttura della rosa per la prossima stagione, che prevederebbe diversi cambiamenti. E, secondo il rapporto L’Equipe, le varianti inizierebbero con la partenza di tre giocatori dal nostro Paese.

“La fine dell’era argentina al PSG”, ha evidenziato il giornale del mattino, che accenna all’idea di restare solo con Messi. Il primo a cadere sarebbe Di Maríail cui contratto in scadenza a fine giugno non verrà rinnovato, quindi il 34enne di Rosario avrebbe già in vista alcune offerte che sono arrivate da altri enti in Europa.

La nota del PSG che allude alla partenza dei tre giocatori argentini
La nota del PSG che allude alla partenza dei tre giocatori argentiniImmagine L’Equipe

Più eclatante è il caso di Paredes, che ha ancora un anno di contratto, anche se a breve dovrebbe essere operato per una pubialgia che lo ha reso felice ultimamente. Secondo il Psg, “Paredes è un giocatore che divide gli spogliatoi”, e poi sottolinea: “E’ stato acquistato per 47 milioni di euro dallo Zenit a gennaio 2019, e non ha mai giustificato la cifra investita in campo e ha generato molte critiche. , anche interno. Nel (mercato) dello scorso inverno il Tottenham si interessava a lui e forse altri club della Premier League torneranno in carica. Nei casi di Paredes e Di María la posta in gioco è molto: le destinazioni che sceglieranno per il secondo semestre dipenderanno dalla continuità che avranno davanti

Icardi, intanto, avrebbe il suo destino in Serie Avisto che è nel mirino di più club della prima divisione italiana possibile cannoniere, e senza possibilità di continuità nel PSG. Un chiaro esempio di ciò sono stati i fischi ricevuti quando domenica scorsa è entrato per Mbappé nei tempi di recupero, nella vittoria per 2-1 sul Marsiglia di Jorge Sampaoli al Parc des Princes. Si pensava infatti già alla scorsa stagione di sbarazzarsi di Icardi, ma non si è giunti ad accordi per la sua partenza.

Altri motivi per questa determinazione? Oltre a una forte rivoluzione nella rosa, il PSG cerca anche di ridurre il suo salario, in conformità con il fair play finanziario. Questo sì: L’Equipe non parla della situazione dell’allenatore Maurizio Pochettino, anche lui argentino, ha ricevuto diverse domande durante la stagione, anche se ha un contratto valido almeno fino a metà 2023. Ma, se il club decidesse di licenziarlo, dovrebbe pagarlo intorno ai 20 milioni di euro, o negoziare. In ogni caso, si prevede che Pochettino possa tornare in Premier League, dopo due passaggi riusciti di Southampton e Tottenham.

Add Comment