Il dollaro CCL ha trafitto i $ 190 per la prima volta in 6 round e il divario è sceso ai minimi di un anno

Mentre, L’eurodeputato o dollaro di borsa, anch’esso valutato con il Global 2030, ha perso l’1% a $ 189,42quindi il divario di cambio è stato ridotto al 66,7%.

“Senza acquistare (dollari) off-shore e vendere per fare pesos in un contesto di prezzi alle stelle, le forze di domanda e offerta (di scambio) sembrano essere equilibrate”, ha affermato l’intermediazione StoneX.

Da parte sua, l’economista Gustavo Ber ha evidenziato che “con la BCRA che svolge il suo compito di continuare a riordinare il tasso al rialzo e ad accelerare il ‘crawling-peg’, c’è calma tra i dollari finanziari, dato che le scommesse sul ‘carry-trade’ – tramite strumenti CER – continuare ad essere all’ordine del giorno”.

Gli investimenti in pesos indicizzati all’inflazione stanno diventando più appetibili a fronte di un’inflazione che ha appena registrato il livello mensile più alto degli ultimi 20 anni e che non mostra segni di un significativo rallentamento nel breve termine.

Nel frattempo, la Banca Centrale ha aggiustato al rialzo il tasso di aumento del tasso di cambio ufficiale e dei tassi di interesse. Il tasso Leliqs ora rende quasi il 59% annuo in termini effettivi, al di sopra dell’inflazione su base annua corrente (55,1%), ma ancora al di sotto dell’inflazione prevista che è già superiore al 60%.

“L’esiguo aggiustamento del tasso comporta un rischio per il mercato dei cambi data l’accelerazione del ‘crawling peg’ dall’inizio di aprile”, ha avvertito. Investimenti nel portafoglio personale.

“I rendimenti per i risparmiatori sono rimasti in territorio negativo dallo scorso ottobre, lontani dall’intesa con il Fmi che prega per ‘rendimenti reali positivi'”, ha affermato.

A causa dell’inflazione trimestrale più alta dal 1991, per questo lunedì è previsto un annuncio ufficiale di aiuti monetari per la popolazione più vulnerabile.

Allo stesso tempo, il ministro dell’Economia Martín Guzmán si recherà di notte negli Stati Uniti per partecipare alla riunione di primavera del FMI, pochi giorni prima della prima revisione dell’economia argentina da parte dell’organizzazione prevista per maggio.

dollaro ufficiale

Nel segmento ufficiale, il dollaro all’ingrosso è avanzato di 66 centesimi a $ 113,63. Come di consueto, la Centrale ha compensato l’inattività del fine settimana e delle festività pasquali.

La predominanza dell’offerta di valuta estera nel mercato dei cambi ha indotto l’autorità monetaria a porre fine al suo intervento con un risultato positivo di 70 milioni di dollari, il più alto in un mese.

In questo modo, dopo aver registrato la sua prima vendita netta di valuta estera su sette ruote mercoledì scorso, l’entità guidata da Miguel Ángel Pesce ha aumentato il suo risultato a favore del mese a oltre 80 milioni di dollari, mentre nell’anno ha accumulato fino al momento 30 milioni di dollari.

“L’accumulo di operazioni originatosi nei giorni in cui il mercato non funzionava può giustificare il risultato ottenuto oggi dalla Banca Centrale, che segue con attenzione il tasso di reddito del complesso agro-export in uno scenario in cui le complicazioni logistiche concorrono a aumentare ancora di più il reddito di valuta estera, che stagionalmente tende ad aumentare nel secondo trimestre dell’anno”, approfondito da PR Corredores de Cambio.

In quel quadro, il dollaro al dettaglio, senza tasse, è aumentato di 49 centesimi questo lunedì 18 aprile a $ 118,88, secondo la media delle principali banche del sistema finanziario. A sua volta, il valore al dettaglio del biglietto nel Banco Nación si trovava a $ 118.

Il dollaro solidale -che include il 30% della tassa PAÍS e il 35% deducibile degli utili- avanzato di 81 centesimi a $ 196,15 in media, superando così il livello del blu, per la seconda volta da giugno 2021.

Il Il dollaro blu ha chiuso stabile lunedì 18 aprile 2022 a 195 dollari, che rappresenta il valore nominale più basso dallo scorso ottobre. secondo un sondaggio di Ámbito nel mercato nero delle valute.

Il dollaro parallelo ha accumulato nove giorni consecutivi sotto i 200 dollari, portando il divario con il dollaro ufficiale all’ingrosso al 71,6%, il livello più basso da giugno 2021.

Add Comment