Ci sarà Gago per un po’?

Solo un po’ di tempo fa Fernando Gago Aveva terminato il suo primo allenamento. Sapeva di essere arrivato più avallato dalle sue convinzioni con il gioco che dalle sue pergamene da allenatore: veniva da sette sconfitte consecutive ad Aldosivi, motivo per cui ha dovuto partire. Ma Pintita ha convinto la dirigenza, si è piazzata prima dei giocatori e poi davanti alla stampa: “Voglio che sia un piacere vedere giocare il Racing”.


Gago viene con calma… (Foto Juano Tesone).

E l’allenatore ha sempre perseguito quell’obiettivo, anche nei momenti di turbolenza. Sono passati sei mesi da quando Avellaneda ha messo piede, la squadra ha trovato una rotta e si è aggrappata all’idea, è il leader della Zona A e i tifosi si sentono identificati. Cosa chiedere di più? Per questo, come anticipato Ole, I vertici hanno già avviato l’operazione di rinnovo del contratto, che scade a fine anno…

Guarda anche

Gago: dalla festa esuberante all'elogio dei suoi giocatori

La transizione

Una delle politiche dell’attuale dirigenza del club è cercare di supportare gli allenatori. Lo hanno fatto con Juan Antonio Pizzi, che è venuto a giocare una finale pur non avendo mai trovato uno schema calcistico. I pessimi risultati si sono aggiunti al debito del gioco e il ciclo di JAP si è divorato.

Guarda anche

The One X One di Racing Against Union

Il passaggio di Claudio Úbeda non è stato una soluzione. E nel bel mezzo di una ricerca frenetica, con allenatori famosi che dicevano “no grazie”, Gago è apparso quando nessuno se lo aspettava. E, nonostante abbia chiuso il 2021 con tre vittorie e cinque sconfittesia Pintita che la dirigenza hanno deciso di lavorare sodo nella preseason per raggiungere l’armonia calcistica.

La variazione

L’attuale stagione dell’Academy, finora, è stata più che soddisfacente. Pintita ha dato alla squadra un’identità chiara: scommette sul possesso palla per creare spazi che consentano loro di mettere insieme le situazioni da gol. È imbattuto in Zona A (è il leader) e ha iniziato il campionato sudamericano con due vittorie.

In ogni caso, i risultati non sono l’unica cosa che il presidente Víctor Blanco e la compagnia hanno messo sulla bilancia: apprezzano che nel campus sia stata generata una sana competizione, che il DT di solito ruota i giocatori e che la struttura non ne risenta. C’è una sana armonia interna: nei momenti in cui c’erano dei dubbi, il gruppo si sosteneva a vicenda. E oggi difendono il loro DT affamato sul campo.

Guarda anche

Il traguardo impressionante raggiunto dal Racing de Gago

Gago ha rafforzato i giocatori che sono scesi in basso, tipo Enzo Copetti Y Saverio Correa, ha aggiunto rinforzi in questo mercato che non erano costosi (tranne Cardona, che non era esclusivo di DT) e sembra a suo agio. Comunque, Pintita è scappata di nuovo dalle luci. “Io sono il capogruppo e cerco di dare un’identità alla squadra, ma il merito è dei giocatori, sono di alto livello”.

Guarda anche

Coppa di Lega: cosa gioca ogni squadra in data 11

Il piano di ristrutturazione è già in corso. Ma l’idea è di andare per gradi. Vale a dire, sondare Gago e parlare, poiché l’importante è mantenere la concentrazione. Adesso non ci resta che pensare a continuare a lottare su tutti i fronti. Dopo giugno, i negoziati inizieranno formalmente. Ci sarà Pintita per un po’?

.

Add Comment