Carlos Sainz ha ottenuto la sua prima pole position al termine della classifica di Formula 1 e partirà in vantaggio nel Gran Premio di Gran Bretagna

La classificazione di Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1 A Silverstone questo sabato è piovuto quasi completamente e quella condizione gli ha dato incertezza fino all’ultimo momento, con grandi sorprese a volte. In questo contesto, verso la fine, il pilota spagnolo Carlos Sainz Ha segnato 1m40s983/1000 con la sua Ferrari e ha conquistato la pole position, la prima che ha ottenuto nella categoria. Sarà in testa quando si accenderà il semaforo verde per la gara di questa domenica.

“Ho sofferto con l’acqua stagnante e ho perso un giro. Non ho fatto un solo giro, ma mi ha portato in pole. Il passo che abbiamo avuto per tutto il weekend è buono, abbiamo corretto i problemi in qualifica e cercherò di rimanere in testa in gara”, ha detto il poleman, che ha impiegato 151 gran premi per ottenere quell’onore e punta alla sua prima vittoria.

Il meglio delle qualifiche a Silverstone

Sainz è il secondo spagnolo a raggiungere la pole position. Il primo era Fernando Alonso, che è stato nella categoria più alta del motorsport per 22 e l’ultima quasi un decennio fa, in Germania, nel 2012. La sua prima volta era stata in Malesia nel 2003. Carlos ha così concluso 3632 giorni senza una pole spagnola: Erano 9 anni, 11 mesi e 10 giorni. È invece il 104° pilota di Formula 1 a raggiungere la prima posizione, il 34° per la Ferrari e la 237° pole per il team di Maranello.

L’attuale campione del mondo e leader dell’attuale campionato, gli olandesi Max Verstappen è andato in testacoda durante il suo primo giro volante della Q3 ed è stato fortunato a scendere in pista e nella giusta direzione. Poi, è andato largo in un angolo e ha perso tempo. In un altro giro, una bandiera gialla (per un testacoda di Leclerc) ha limitato la sua velocità in un settore. Tuttavia, è stato veloce con la sua Red Bull, dominando la classifica a pochi secondi dalla fine e alla fine è arrivato secondo, a soli 072/1000.

Il giro di Verstappen

Parlando a bordo campo dopo le qualifiche, Verstappen ha sentito dei fischi. lui e l’inglese Lewis Hamilton si sono scontrati su questo circuito l’anno scorso, l’olandese si è schiantato contro un muro, il locale ha superato una penalità e ha vinto la gara. L’incidente ha acceso la rivalità. All’ospedale dove è stato tenuto in osservazione, Max ha accusato Lewis di “comportamento antisportivo” per aver celebrato la vittoria mentre veniva evacuato dal punto di vista medico. “Se non mi vogliono qui, per me non è un problema”ne ha tolto il significato.

Max Verstappen è stato veloce sull’asciutto e sul bagnato, ma non è bastato per essere il più veloce della classifica della Gran Bretagnaap – ap

I suoi compagni di squadra erano terzi e quarti. Il monegasco Charles Leclerc (Ferrari), che ha sofferto sul bagnato nell’ultimo tratto di qualifiche, e il messicano Sergio Perez (Red Bull) erano entusiasti di finire in testa, ma condivideranno la seconda fila, davanti a Hamilton (Mercedes), a tratti secondo ma quinto; il belga lando norris (McLaren), Alonso (Alpino), gli inglesi Giorgio Russel (Mercedes) e cinese Guanyu Zhou (Alfa Romeo).

“Sono deluso di non essere in pole ma felice per Carlos. Sono andato in testacoda all’ultimo giro, dove avrei dovuto mettere tutto, quindi non meritavo la pole”, sono state le prime parole di Leclerc, che ha finito per favorire il compagno di squadra per un errore che ha costretto Verstappen a rallentare in quella zona .

Un’altra rivelazione furono i francesi Nicola Latifi, che è arrivato per la prima volta in Q3, grazie al suo opportunismo di girare velocemente prima che la pista peggiorasse. Ciò ha portato ad abbracci tra i meccanici ai box della Williams quando è stata confermata la sua posizione nella top ten. Alla fine non hanno rischiato troppo negli ultimi 10 minuti e si sono accontentati della squadra al 10° posto. Lo stesso Latifi il cui incidente è stato determinante per la definizione della stagione 2021 allo Yas Marina tra Max Verstappen e Lewis Hamilton.

Dopo i bei tempi sull'asciutto nelle prove libere, Nicholas Latifi è stato uno di quelli che hanno sorpreso sotto la pioggia nelle qualifiche di Silverstone
Dopo i bei tempi sull’asciutto nelle prove libere, Nicholas Latifi è stato uno di quelli che hanno sorpreso sotto la pioggia nelle qualifiche di Silverstoneimmagini di getty – Getty Images Europa

Una pioggia prolungata, una temperatura più bassa e poca aderenza delle gomme sono state una combinazione che non ha dato tregua nella Q2. A volte nessuno ha migliorato i tempi per l’intensità dell’acqua e che ha messo a rischio più di uno di quelli che solitamente avanzano in classifica senza timori. In quel contesto, tutto è stato un fastidio per chi ha girato gli ultimi minuti cercando di andare più veloce. Il francese Pierre Gasley (Alpha Tauri), il finlandese Valtteri Bottas (Alfa Romeo), i giapponesi Yuki Tsunoda (Alpha Tauri), l’australiano Daniele Ricciardo (McLaren) e i francesi Stefano Ocon (Alpine) non è riuscito a superare quell’istanza, rimanendo tra l’11° e il 15° posto sulla griglia di partenza.

In una Q1 su asfalto bagnato, i piloti cercavano di lasciare il segno con il diminuire della pioggia, cosa che ha fatto scendere definitivamente i tempi e cambiare i più veloci, con sorprese. Tutti sono dovuti rimanere in pista fino all’abbassamento della bandiera a scacchi.

La delusione è stata per i thailandesi alessandro albino (Williams), il danese Kevin Magnussen (Haas), i tedeschi Sebastian Vettel (Aston Martin) e Mike Schumacher (Haas) e il canadese Lancia Passeggiata (Aston Martin), che sono state eliminate e partiranno dal 16° al 20° posto. Albon si è lamentato di essere andato in testacoda troppo per riscaldare le gomme, quando ciò non era efficace, e Vettel ha maledetto che, per la seconda volta quest’anno, ha saltato l’ultimo giro perché non ha aperto il giro di appena un pochi secondi secondi.

La Red Bull ha dominato le ultime prove libere

Max Verstappen è stato il più veloce nelle prove finali prima che la pioggia colpisse Silverstone
Max Verstappen è stato il più veloce nelle prove finali prima che la pioggia colpisse Silverstoneafp – Afp

Su una pista asciutta, ma sotto un cielo molto minaccioso, il team Red Bull ha dominato l’ultima sessione di prove libere, di sabato mattina. Verstappen è stato l’unico pilota ad abbassare la barriera dell’1m28. L’olandese ha ampiamente superato il compagno di squadra, Checo Pérez, di 410/1000 e Leclerc, terzo assoluto, a 447/1000. La Mercedes degli inglesi Russell e Hamilton, arrivati ​​al Gran Premio con nuove migliorie alle proprie vetture, ha segnato rispettivamente il quarto e il quinto tempo più veloce.

Add Comment