Basta poco esercizio per combattere la depressione: studia

(CNN) — Alzati e muoviti: anche le più piccole dosi di attività fisica, come camminare a passo svelto, possono ridurre significativamente il rischio di depressione, secondo una nuova analisi dei dati.

“La maggior parte dei benefici si ottiene quando si passa da nessuna attività ad almeno qualche attività”, hanno scritto gli autori dello studio.

I livelli raccomandati di attività fisica negli Stati Uniti, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), includono tutta l’attività aerobica a livelli moderati (come la camminata veloce) per 2,5 ore a settimana e un allenamento del principali gruppi muscolari due volte a settimana.

In alternativa, una persona può scegliere di esercitarsi a un livello vigoroso, come la corsa, per 1,25 ore a settimana, insieme alla stessa quantità di allenamento per la forza.

Secondo il CDC, un esercizio da moderato a vigoroso fa bene. Migliora il sonno, abbassa la pressione sanguigna, protegge da malattie cardiache, diabete e cancro, riduce lo stress, migliora l’umore e combatte l’ansia e la depressione.

Ma nel mondo frenetico di oggi, è difficile per molte persone andare a correre o andare in palestra. In combinazione con la depressione, la motivazione all’esercizio diminuisce ancora di più, affermano gli esperti.

Secondo una meta-analisi, circa 1,25 ore di esercizio fisico intenso a settimana potrebbero ridurre il rischio di depressione del 18% rispetto a nessuna attività fisica.

Tutto sommato

La meta-analisi pubblicata mercoledì sulla rivista accademica JAMA Psychiatry ha analizzato 15 studi che hanno coinvolto più di 190.000 persone per determinare la quantità di esercizio necessaria per ridurre la depressione.

Secondo lo studio, gli adulti che praticavano attività equivalenti a 1,25 ore di camminata veloce a settimana avevano un rischio di depressione inferiore del 18% rispetto alle persone che non facevano esercizio.

Andare a un “volume di attività equivalente a 2,5 ore di camminata veloce a settimana era associato a un rischio di depressione inferiore del 25%”, hanno affermato gli autori.

Secondo lo studio, i benefici sono stati maggiori quando la persona è passata dall’essere un pantofolaio ad aggiungere movimento alla propria giornata. Tuttavia, l’esercizio al di sopra dei livelli raccomandati non ha fornito alcun beneficio aggiuntivo.

“Quindi, i nostri risultati hanno nuove importanti implicazioni per i professionisti della salute che formulano raccomandazioni sullo stile di vita, in particolare gli individui sedentari che possono percepire le attuali raccomandazioni (esercizio) come irrealistiche”, hanno scritto gli autori.

Precedenti indagini

Uno studio pubblicato nel 2018 ha trovato risultati simili: le persone che facevano esercizio hanno avuto circa il 43% in meno di giorni di cattiva salute mentale. “Anche camminare solo tre volte a settimana sembra offrire alle persone una salute mentale migliore rispetto al non esercitare affatto”, ha detto all’epoca l’autore dello studio Adam Chekroud, professore associato di psichiatria alla Yale University.

Secondo lo studio del 2018, l’esercizio in sessioni di 45 minuti da tre a cinque volte a settimana è stato il più vantaggioso per migliorare la salute mentale. Tuttavia, secondo lo studio, anche fare i lavori domestici ha ridotto i giorni di cattiva salute mentale di circa il 10%.

Uno studio pubblicato nel 2020 ha rilevato che anche l’esercizio fisico leggero ha aiutato a proteggere i minori dallo sviluppo della depressione. Lo studio del 2020 ha rilevato che 60 minuti di movimento leggero al giorno all’età di 12 anni erano collegati a una riduzione mediana del 10% del rischio di depressione all’età di 18 anni.

I tipi di movimento considerati includevano la corsa, il ciclismo e la camminata, nonché le attività domestiche, la pittura o il suonare uno strumento.

Add Comment